Indietro

Il programma gratuito fa risparmiare 40mila euro

Il Comune ha installato 'Libre office' al posto del software Microsoft. Organizzato un corso di 10 giorni per insegnare ai dipendenti la nuova suite

CECINA — É di quasi 38mila euro la cifra risparmiata dal Comune per dotare 70 nuovi computer dislocati nei vari uffici comunali dei programmi di automazione d'ufficio

Di fatto, invece di acquistare il pacchetto Microsoft Office a pagamento è stato adottato un software libero: Libre Office.

Il pacchetto free offre funzionalità e servizi molto simili. Una suite completa per ufficio totalmente gratuita con modulo di scrittura, di calcolo di disegno, diagrammi etc. 

L'acquisto dei nuovi PC, invece, necessario in conseguenza dell’età media dei precedenti di circa 7 anni è stato reso possibile grazie ad una convenzione Consip, la centrale acquisti della Pubblica Amministrazione italiana

Molti dei vecchi, in ogni caso, dove possibile e prima del loro disfacimento, sono stati utilizzati per altri servizi e attività che richiedono basse prestazioni delle macchine

Per il corretto utilizzo di Libre office da parte dei dipendenti comunali è stato organizzato un corso di formazione durato circa 10 giorni - per garantire l'apertura degli uffici comunali – e affidato allo studio Storti della provincia di Vicenza. Una realtà italiana importante che opera nel campo delle soluzioni “Open Source” per le Pubbliche Amministrazioni e che, ad oggi, serve centinaia di enti di ogni tipologia e dimensione in tutta la penisola. Non sono molte le realtà nella Pubblica Amministrazione che hanno migrato all’open source, ma, una per tutte, il Ministero della Difesa sta effettuando la migrazione a “Libre Office” di più di 100mila computer sostenendo il personale, come ha fatto il Comune di Cecina, con la realizzazione di corsi a supporto di questa fondamentale transizione. 

“Era uno degli obiettivi del mio programma di mandato – ha detto il sindaco Samuele Lippi – e finalmente, grazie anche all’attiva collaborazione del personale all’informatica, siamo riusciti a tracciare una nuova strada che, oltre ad un tangibile risparmio di preziose risorse economiche, vorrei servisse da esempio anche ai cittadini, specie a quelli più giovani”. 

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it