Indietro

Fondo di solidarietà, il Comune ricorre al Tar

L'amministrazione chiede al Tribunale amministrativo regionale l'annullamento del decreto del presidente del consiglio dei ministri sulla

ROSIGNANO M.MO — Il Comune ha deciso di ricorrere al Tribunale Amministrativo Regionale per "l’annullamento del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 25/05/2017 (Gazzetta Ufficiale n. 144 del 23.06.2017) che definisce e ripartisce il Fondo di Solidarietà Comunale per l'anno 2017 (Delibera di Giunta n. 273 del 5/9/2017). Il fondo è alimentato con trattenute effettuate dall'Agenzia delle Entrate sui versamenti dell’Imposta Municipale Unica da parte dei contribuenti del Comune di Rosignano Marittimo". 

"Per la formazione e la ripartizione del FSC - hanno ripreso dal municipio - la normativa tiene conto della stima dell'introito IMU e di una serie di altri parametri relativi a risorse storiche e fabbisogni standard. Per il Comune di Rosignano Marittimo la quota da attribuire al FSC nazionale, e dunque allo Stato per la ripartizione agli altri Comuni, è pari 5.997.874,77 euro".

"Il ricorso dunque - hanno spiegato dal Comune - è motivato dal notevole impoverimento che il versamento della somma causerebbe alle casse comunali, che in più è sproporzionalmente elevato rispetto a quello di altri comuni, e dal fatto che si fonda, come nel caso dei fabbisogni standard, su elementi che tengono poco conto delle realtà fortemente turistiche. Proprio su questo punto l’amministrazione rileva anche l’illegittimità del metodo".

"Per ragioni simili negli ultimi anni altri comuni italiani hanno impugnato il DPCM e i loro ricorsi sono stati accolti dai TAR di competenza. Il Comune di Rosignano è contribuente netto del FSC – ha spiegato l’assessore al bilancio Daniele Donati - di cui non contestiamo il principio ispiratore della solidarietà tra territori, ma l'onere attribuitoci di circa 6 milioni di euro annui, e la ripartizione di risorse a favore anche dei comuni ben più importanti di noi e dotati di ampie possibilità di imposizione o di capacità finanziarie autonome. Dunque il ricorso vuole essere un chiaro segnale politico verso un meccanismo che priva i nostri cittadini di risorse importanti e limita le capacità del Comune di Rosignano nel dare risposte complete ai bisogni del territorio, costringendoci anche ad imposizioni fiscali che altrimenti potrebbero essere alleggerite. Ovviamente il fine dell'impugnazione attuale è l'annullamento del DPCM, con l'obiettivo di spingere alla modifica, che potrà avvenire solo in sede legislativa, della ripartizione del FSC 2017 secondo nuovi criteri”. 

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it