Indietro

73 anni fa l'impresa di sabotaggio Herring

Si celebra il 73° anniversario dell’Operazione Herring, l’impresa di sabotaggio che si svolse dal 19 al 23 aprile 1945 partendo da Vada

ROSIGNANO MARITTIMO — Nell’ambito delle commemorazioni per la liberazione, il Comune di Rosignano Marittimo e il 185° Reggimento Ricognizione ed Acquisizione Obiettivi “Folgore” (RRAO) di Livorno, venerdì 20 aprile dalle ore 9 celebrano il 73° anniversario dell’Operazione Herring, l’impresa di sabotaggio che si svolse dal 19 al 23 aprile 1945 partendo da Vada (Stradone Belvedere, 4), sede storica dell’aeroporto di Rosignano.

L’operazione, effettuata alla vigilia dello sfondamento della Linea Gotica, aveva lo scopo di infiltrare uomini coraggiosi e volontari sul territorio della Repubblica Sociale, per ritardare la ritirata delle truppe tedesche e facilitare l’avanzata delle forze angloamericane. La sera del 20 aprile 1945 velivoli statunitensi decollarono da Vada con 226 paracadutisti italiani appartenenti allo Squadrone da Ricognizione Folgore (noto come Squadrone F) e alla Centuria Nembo. Il lancio avvenne sulla pianura padana occupata dai tedeschi, nelle province di Bologna, Ferrara, Mantova e Modena. In particolare presso "Cà Bruciata" di Dragoncello, nel comune di Poggio Rusco (Mantova), si consumò un violento scontro in cui persero la vita decine di persone, portando a termine un’impresa dove oggi sorge il Monumento ai Caduti.

Per commemorare quell’atto eroico il 185° RRAO, erede dello Squadrone F, ha deciso di celebrare la propria festa di corpo il 20 aprile a Vada, dove in località “Il Casone” viene inaugurato un Monumento a tutti i caduti dell’operazione Herring alla presenza del Comandante del 185° Reggimento, Colonnello Alessandro Grassano.

In quest’occasione il Comune di Rosignano stringerà un “Patto di amicizia” con il Comune di Poggio Rusco, rispettivamente luogo di partenza e arrivo dell’operazione Herring.

I due sindaci Alessandro Franchi e Fabio Zacchi sottoscriveranno per conto dei loro cittadini il “Patto di amicizia”, manifestando “la comune volontà di stabilire una cooperazione duratura per favorire la conoscenza dell’impresa realizzata nell’ambito della guerra di Liberazione e l‘istituzione di relazioni di amicizia tra le due comunità locali attraverso scambi di iniziative ed esperienze”.

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it