Indietro

I pozzi restano inquinati dalla trielina

Le analisi sono state condotte da Arpat

Arpat ha diffuso i dati sullo stato delle acque relativi al 2015 e ai primi mesi del 2016. I livelli della sostanza sono ancora preoccupanti

CECINA — La trielina continua a rappresentare una minaccia. Lo dicono i dati diffusi da Arpat, l'agenzia regionale per l'ambiente, che mettono in evidenza situazioni critiche in alcuni pozzi dell'acquedotto a Cecina e nel comune di Montescudaio a Poggio Gagliardo.

Arpat ha rilevato, nello specifico, alti livelli di tricloroetilene (Tce) e tetracloroetilene (Pce). Il monitoraggio è del 2015, ma alcune rilevazioni diffuse online riguardano gli ultimi mesi. La quantità di sostanza nell'acqua destinata al consumo sfora la soglia di sicurezza.

A Poggio Gagliardo è stato messo a punto uno sbarramento idraulico che ha funzionato solo in parte, essendo alcuni pozzi ancora contaminati dalla sostanza, un prodotto sintetico sospettato di essere cancerogeno. Secondo Arpat anche nei pozzi di Ladronaia e del campo sportivo risultano contaminati, con percentuali paragonabili a quelle degli anni precedenti.

Un incremento delle concentrazioni medie di trielina e tetracloroetilene è risultato a San Vincenzino, nel villaggio scolastico, nel pomodorificio.

Richiedi sito desktop

QUI NEWS srl - Via Enrico Fermi, 6 - 56100 VICOPISANO (Pisa) - tel 348 6920691 - direzione@quinews.net
Numero Iscrizione al R.O.C: 32441 - C.F. e P.Iva: 02305720506
PUBBLICITA' in proprio - tel 348 6920691
Fatturazione Elettronica W7YVJk9

Powered by Aperion.it