Indietro

Gestione rifiuti, M5s invita ad incontro pubblico

"Nessuna volontà di cambiare", dicono i consiglieri pentastellati di Rosignano. "L'amministrazione comunale è cieca e sorda"

ROSIGNANO MARITTIMO — "Ai cittadini rivolgiamo un appello - dicono i consiglieri comunali Elisa Becherini, Mario Settino e Francesco Serretti:

 "Il 26 gennaio a Rosignano organizzeremo un incontro pubblico con la presenza di portavoce M5S regionali e dei nostri parlamentari in cui spiegheremo ai cittadini non solo la proposta di legge regionale del M5S sull’economia circolare per una Toscana a Rifiuti Zero ma l’intera visione del M5S su questo tema. Invitiamo tutti, cittadini, associazioni di categoria, operatori commerciali e turistici a partecipare".

“E’ il momento di prendersi la responsabilità dei propri errori, nessun scaricabarile da parte dell’amministrazione comunale che invece continua a difendere a spada tratta le proprie scelte in merito alla gestione della discarica di Scapigliato e del suo ampliamento, respinto con oltre 100 osservazioni tecniche dalla Regione Toscana, bocciatura che riassumendo si basa sull’assoluta inconsistenza e incongruità della risposta di REA alla richiesta di integrazioni. I rilievi per cui la Regione ha respinto il progetto “La fabbrica del futuro” sono assolutamente specifici e ribadiscono che non sono stati forniti dati precisi sia sui costi che sui dettagli tecnici e sulle previsioni, che invece erano stati richiesti, ed il perché è chiaro, non li hanno né si sono preoccupati di averli, tutto il loro progetto è una perfetta continuità con una gestione decennale dei rifiuti fatta senza volontà di perseguire uno sviluppo vero e concreto di un cambiamento così com’è richiesto dalla stessa Regione Toscana e dall’Europa. Ed è la dimostrazione di un fallimento politico che purtroppo ricade sulla salute dei cittadini”. 


Prosegue Francesco Serretti: “Perché le scelte pessime su come gestire il trattamento dei rifiuti le ha decise e messe in atto questa amministrazione e quelle che la hanno preceduta, comunque composte dagli stessi soggetti che semplicemente ruotano nei ruoli assicurandone la realizzazione. A nessuno piace essere perso in giro, tanto meno ai cittadini che da decenni, loro malgrado, sono coinvolti in parole vuote e promesse mai mantenute. Tardivo cercare adesso di far partire il porta a porta, dopo aver ostacolato con ogni mezzo questo sistema, ridicolo aver approvato in consiglio comunale nel 2013 una mozione per l’attuazione di “Rifiuti zero” senza aver mai mosso un dito per la sua realizzazione. Piangere adesso e paventare un rischio d’emergenza rifiuti nella speranza che questo possa smuovere l’approvazione dell’ampliamento della discarica è ancora dimostrazione di assoluta inadeguatezza amministrativa i cui effetti adesso rischiano di colpire anche gli stessi lavoratori Rea. Invece di attribuire colpe a chi ha avuto il merito d’opporsi con giusta ragione all’ampliamento della discarica Sindaco e Rea si adoperino immediatamente per tutelarne l’occupazione”.

Conclude Elisa Becherini: “E colpisce, inoltre, che non vi sia stata una netta presa di posizione sulle eventuali responsabilità in merito al traffico illegale dei rifiuti, ma che al contrario abbiano, proprio nell'ultimo consiglio comunale, asserito che i controlli nella discarica sono addirittura più di quelli previsti per legge"

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it